Fonte: Slow Food

In un periodo di crisi come quello attuale – dal punto di vista ambientale, alimentare ed economico, oltre che sanitario – pensiamo sia importante come mai prima lavorare per garantire la sovranità alimentare alle comunità di tutto il mondo.


Agroecologia formazione Slow Food

Come Slow Food, crediamo nell’agroecologia, e ne sosteniamo l’approccio volto ad assicurare l’accesso a un cibo buono, pulito e giusto e una produzione alimentare che sia rispettosa di risorse, ambiente e animali.

Ma che cos’è un approccio agroecologico?

Detto in due parole, significa considerare le colture come parte di un ecosistema e intendere la coltivazione come atto etico, capace di coniugare la ricerca del profitto e la sostenibilità economica al mantenimento della complessità dell’ambiente e alla tutela della biodiversità.

Difendere tale idea di agricoltura, tuttavia, non è facile: l’agroecologia paga lo scotto dello scarso sostegno dei governi, di politiche agricole sfavorevoli e scoraggianti e la carenza di letteratura sui benefici delle soluzioni agroecologiche.

A questi problemi se ne aggiungono altri. Innanzitutto la scarsa consapevolezza da parte dei consumatori dell’importanza di sostenere sistemi alimentari ecologici; gli effetti – sempre più attuali ed evidenti – della crisi climatica; e naturalmente anche il modello economico predatorio che oggi domina il settore agricolo: quello cioè dell’agribusiness e dei sistemi produttivi intensivi, che sfruttano la terra con il solo obiettivo di fare profitto.

Slow Food Uganda, in collaborazione con Slow Food International, è impegnata proprio in questa direzione con una serie di iniziative finanziate dall’Agroecology Fund nell’ambito del progetto Building Local Economies in East Africa Through Agroecology.

Di seguito alcune delle attività nelle quali siamo impegnati.

La Slow Food Academy

Dal 2016 Slow Food Uganda organizza una Academy, coordinamento regionale tra i vari progetti della rete Slow Food che lavorano sull’agroecologia: l’obiettivo è ampliare e diffondere il più possibile la conoscenza e il ricorso a soluzioni agroecologiche efficaci ed economiche.

Agroecologia formazione Slow Food

La Slow Food Academy ha organizzato due momenti di confronto che hanno coinvolto 20 partecipanti, provenienti dall’Uganda e dalla Repubblica Democratica del Congo, che hanno potuto acquisire conoscenze e competenze pratiche, grazie alle visite sul campo e alla partecipazione al Fruit and Juice Party, tradizionale appuntamento educativo organizzato Slow Food Uganda ogni anno. L’evento prevedeva anche una serie di incontri online utili per mettere insieme le conoscenze acquisite, confrontarsi sulle modalità e ascoltare le testimonianze circa il modo in cui i vari gruppi hanno affrontato la pandemia di Covid-19.

Creazione di orti ecologici nelle scuole e nelle comunità per sostenere lo sviluppo dell’agroecologia

Un’altra delle iniziative è stata l’avvio degli orti scolastici in alcune scuole, come la Aunt Kevin Nursery and Primary School, la Nkoyoyo Boarding Primary School, la Ngogwe Baskerville Primary School e la Jack Standard Nursery and Primary School (tutte in Uganda). Grazie a ciò che hanno imparato negli orti scolastici, gli hanno pososno mettere in pratica gli insegnamenti sull’agroecologia anche a casa.  L’Accademy conferma uno dei principi cardine della nostra associazione: il primo passo della transizione verso sistemi alimentari sostenibili che garantiscano sicurezza e sovranità alimentare, nella tutela della biodiversità, è l’educazione.

Agroecologia formazione Slow Food

Eventi e occasioni di comunicazione

Slow Food Uganda ha organizzato una serie di eventi che hanno coinvolto le comunità locali, sia nelle scuole sia in altri luoghi di socialità, come i mercati contadini. La città di Mukono, non distante dalla capitale Kampala, ha ospitato uno speciale Mercato della Terra organizzato per coinvolgere i contadini e i consumatori e sensibilizzarli circa l’importanza di sostenere pratiche agroecologiche per dar vita a un sistema alimentare sostenibile.

I prossimi step del progetto

L’impegno non è certo finito qui: nei prossimi mesi Slow Food Uganda ha intenzione di interrogare e ascoltare le persone che hanno partecipato all’Academy, per comprendere se – e in che modo – hanno potuto mettere a frutto quanto appreso. Stessa cosa è prevista a proposito degli orti scolastici: vogliamo cioè capire se gli insegnamenti impartiti hanno avuto un impatto non solo sui bambini, ma anche su dirigenti scolastici, insegnanti e genitori. Farlo ci aiuterà a comprendere che cosa ha funzionato e che cosa deve invece essere migliorato, e quindi a mettere a punto gli interventi che si renderanno eventualmente necessari per rendere questo progetto ancora di maggior impatto.

Building Local Economies in East Africa Through Agroecology è un progetto finanziato dall’Agroecology Fund e punta a sostenere le economie locali e a migliorare le condizioni di vita delle comunità in Kenya, Uganda, Repubblica Democratica del Congo e Tanzania.

Slow Food si impegna a difendere la sovranità alimentare attraverso programmi come questo, mettendo a disposizione competenze e mezzi per sostenere le comunità nella loro lotta verso lo sviluppo di un sistema alimentare buono, pulito e giusto.

Diventare socio Slow Food vuol dire rafforzare e moltiplicare esperienze come questa. Unisciti a noi, diventa socio Slow Food 

Retecontadina.it - Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni > COOKIE E PRIVACY POLICY