ADOTTIAMO UNA ALIMENTAZIONE ECOLOGICA

ALIMENTAZIONE ECOLOGICA  significa innanzitutto scegliere il cibo biologico, stagionale e locale. Significa consumare quotidianamente cereali integrali, legumi, verdure e frutta, compresa la frutta oleaginosa (noci, nocciole, mandorle, pistacchi), evitare le bevande zuccherate e le carni lavorate, limitare le carni rosse e i cibi industriali ricchi di zucchero e grassi,  le bevande alcoliche e il sale. Ridurre al massimo ogni cibo confezionato nella plastica.


PRODUCIAMO CIBO SENZA PESTICIDI E OGM

Retecontadina promuove e sostiene la produzione alimentare locale e la transizione verso un'agricoltura senza pesticidi di sintesi e OGM. Retecontadina afferma la necessità di  conservare, coltivare e rinnovare varietà di semi tradizionali in grado di preservare la biodiversità e curare la fertilità organica del suolo.


COMPRIAMO DIRETTAMENTE DAI  PRODUTTORI

 Tutti i produttori di Rete Contadina offrono un servizio di VENDITA DIRETTA IN AZIENDA.  Come primo passo è necessario telefonare per stabilire un contatto.  Oltre al telefono si possono utilizzare gli strumenti social (email,  facebook, whatsapp).  Alcune aziende dispongono di un proprio PUNTO VENDITA COMMERCIALE aperto ad orari settimanali (vedi schede).


SOSTENIAMO LE PICCOLE AZIENDE CONTADINE

Le piccole aziende locali che producono cibo stagionale, biologico e sano rappresentano il futuro dell'alimentazione ecologica e sono la base per il cambiamento necessario. Ognuno di noi può sostenerle moralmente, economicamente e politicamente, con i propri acquisti diretti, visitando le aziende a andando a conoscere i produttori, oppure chiedendo che i contributi previsti dagli Stati vadano indirizzati alle piccole aziende e non alle monocolture industriali.


PROMUOVIAMO  LE COMUNITA' ALIMENTARI LOCALI

“I contadini sono molto importanti perché producono, ma lo sono anche coloro che mangiano. Dopotutto il 75% delle malattie più diffuse proviene da cibo cattivo. E’ il momento per tutti i cittadini di unire le forze con i piccoli contadini locali, biologici, creando comunità alimentari. Né il contadino può perdere il suo stile di vita, né il consumatore può perdere la sua salute. Devono lavorare ad un progetto comune di democratizzazione del cibo”. Vandana Shiva